in

Perché usare i gruppi su Facebook per creare community di successo

Il Gruppo Facebook  è uno strumento molto diverso dalla Pagina ed il mio consiglio è di usarli entrambi, non sono uno l’alternativa dell’altro ma due strumenti complementari.

Facebook ha deciso di regolamentare e sfruttare questa necessità e soddisfarla tramite un’apposita funzionalità, quella di unire un Gruppo Facebook alla Pagina Aziendale.

Che differenze ci sono tra le due?

La Pagina Facebook è come un sito aziendale, utile all’azienda o al professionista, ed è più che altro un canale che comunica ad un pubblico esterno. Passatemi il termine è distaccato nei rapporti fra le persone e non crea quella sensazione di appartenenza.

Il Gruppo Facebook invece è come un luogo dove le persone comunicano, liberamente fra loro. Il brand, l’azienda o il professionista possono essere presenti e fare da moderatori, controllori,  e questo innesca spesso un livello di partecipazione ed interesse superiore.

Come Unirli?

Perché è utile il Gruppo?

  • Ti da maggiore visibilità
  • Fidelizza i clienti
  • Crea legami più profondi 
  • Crea più interazioni e coinvolgimento
  • Aiuta nelle idee, spunti e informazioni utili, attraverso i sondaggi
  • Aumenta la fiducia dei clienti potenziali verso il brand

Cosa fare quando i Fan iniziano a crescere?

Sicuramente puoi pensare di monetizzare con il tuo gruppo, creare partnership, farti pagare per un post o per esempio usare lo strumento “Audience Network”.

È una piattaforma creata per consentire agli sviluppatori di includere la pubblicità di Facebook direttamente nelle proprie app e agli inserzionisti per disporre di un bacino potenzialmente illimitato di app dove pianificare un investimento pubblicitario.

La forza di Audience Network sta nell’introdurre gli utenti nella primissima fase del ciclo di acquisto. Quando ancora gli utenti vanno scremati a un primo livello di interesse, raggiungere una demografica che fa uso della rete di app e siti mobile può diventare prezioso, soprattutto raccogliere elenchi di remarketing.

Considera la rete FAN e quindi le “Community” o “Gruppi” come un punto di ingresso.

Un tappeto rosso particolare per un bacino di utenti altrimenti difficilmente raggiungibile.

Qual’è il mio consiglio?

Crea una strategia “Step by Step”, spostando solo di un gradino per volta questo particolare tipo di pubblico e costruendo elenchi di remarketing, nel tempo, preziosi per campagne più volte al lead e alla vendita.

Non dimenticare però…

Il Gruppo va seguito, alimentato, reso appetibile, altrimenti gli utenti non saranno disposti a seguirti e a generare quel passaparola che ti permetterà di crescere!

Cosa aspetti? Corri a creare il tuo Gruppo, ci sentiamo presto

Stefania Salvatore

Marketer e Blogger

Loading…

Case study: video marketing e product placement nei video di Fabio Rovazzi

Campagne universali per le app con AdWords